È ora degli Oscar 2019

Si avvicina la fine dell'anno e come da tradizione arriva l'ora di votare per l'OSCAR del TRAIL 2019. Così ci ritroviamo a confrontarci - e scontrarci - sui migliori atleti e le migliori dell'anno...

 

Ma ovviamente sarà bagarre, già a partire dalla dichiarazione delle "nomination" che non mettono mai tutti d'accordo, anzi!

Come sempre ci proviamo, e ci mettiamo la faccia. 

Di seguito l'elenco delle categorie per cui potrete votare, i cui candidati verranno poi presentati con una serie di articoli ad hoc dedicati.

. miglior atleta maschile straniero

. miglior atleta femminile straniera

. miglior atleta maschile italiano

. miglior atleta femminile italiana

. miglior prestazione dell’anno.

A completare il quadro interverrà una Giuria Tecnica (nominata prossimamente). il voto popolare unito a quello dei tecnici andrà a decretare i vincitori di questo premio simbolico.

 

Quest'anno sarà inoltre possibilei votare anche per la nuova categoria il miglior momento trail dell'anno.

 

***

NOMINATION 2019

 

Miglior atleta maschile straniero 2019

Jonathan Albon

Kilian Jornet Burgada

Pau Capell

Ruy Ueda

Jim Walmsley

 

Miglior atleta femminile straniera 2019

Sheila Avilés

Courtney Dauwalter

Clare Gallagher

Maude Mathys

Judith Wyder

 

Miglior atleta maschile italiano 2019

Daniel Antonioli

Oliviero Bosatelli

Davide Magnini

Nadir Maguet

Francesco Puppi

 

Miglior atleta femminile italiana 2019

Barbara Bani

Elisa Desco

Francesca Pretto

Silvia Rampazzo

Martina Valmassoi

 

Best Performance del 2019

Pikes Peak Marathon - Maude Mathys 4h02’45’’

Sierre Zinal - Maude Mathys 2h49’20’’

Sierre Zinal - Kilian Jornet 2h25’35’’

UTMB - Pau Capell  20h19’07’’

Western States - Jim Walmsley 14h09’28’’

 

Miglior "momento trail" del 2019

Cactus, il cane che ha deciso di abbandonare il villaggio in cui viveva e di seguire gli atleti della Marathon des Sables facendosi 250 km nel deserto, "adottato" e sfamato dai vari concorrenti.

Bosatelli e Papi si incontrano fortuitamente al rifugio Coda durante il TorX. I due atleti erano rispettivamente in testa delle due gare parallele il Tor des Géants e il Tor des Glaciers.

Jasmin Paris corre una delle ultramaratone più dure al mondo, la Montane Spine Race, allattando. E arriva prima assoluta.

Hillary Allen ritorna alla Tromso Skyrace dove aveva rischiato di morire nel 2017, e fa la gara con Manu Par, il soccorritore che l'aveva salvata.

Silvia Rampazzo conquista tutto e tutti. Vince la Camignada po Siè Refuge, arrivando prima anche dei concorrenti maschi e la notizia finisce sulla prima pagina dei quotidiani!

 
***

Ti sei già fatto un'idea? Allora partecipa anche tu all'assegnazione dell'OSCAR DEL TRAIL 2019 e VOTA!

*** 

Il sondaggio termina il 9 dicembre 2019.

Regolamento Oscar del Trail 2019