SPIRITO TRAIL • Altra Running Shoes

SPIRITO TRAIL

Trail Running Forum

Altra Running Shoes

Scarpe, abbigliamento, accessori

Moderatore: NoTrail

Re: Altra Running Shoes

Messaggioda andard » 13/09/2018, 15:14

la mia era solo una precisazione per chi non le conosce, sicuramente le king o le superior si avvicinano molto al mondo barefoot. Il concetto di Altra è proporre calzature con caratteristiche minimaliste senza essere estreme in modo da consentire l'utilizzo anche a chi vuole o ha bisogno di più protezione
Avatar utente
andard
 
Messaggi: 528
Iscritto il: 16/09/2014, 20:03
Località: lago maggiore

Re: Altra Running Shoes

Messaggioda darione1980 » 11/10/2018, 17:40

Ciao a tutti, dopo molto tempo e molti km su strada causa infortunio al piede mi sto riavvicinando alla montagna su distanze un po' più lunghe e andature meno esagerate.
Sono stato attirato da questi marchi massimalisti (hoka e altra) scarpe molto protettive con drop 0 o contenuti, quello che volevo chiedervi se ha senso iniziare gradualmente con un drop 3 e poi passare allo 0 se mi trovo o usare direttamente altra.
Per altro mi è stata proposta uno olympus 2.0 a un buon prezzo consigliandomi di inserire sotto la soletta uno spessore da 4mm tipo scarpone da skialp, ha un senso???
Avatar utente
darione1980
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 09/09/2010, 11:54

Re: Altra Running Shoes

Messaggioda Paso » 11/10/2018, 19:23

Sicuramente è consigliabile avvicinarsi per gradi al drop zero !!!!!! Puoi farlo passando gradualmente a drop sempre piu' bassi, oppure iniziando a correre pochi km per volta con un drop zero, alternandolo alle scarpe che usi normalmente.
Il consiglio che ti hanno dato per le Olympus mi pare senza senso, già la Olympus è una scarpa molto protettiva ed ammortizzata, non serve aggiungere altro.
Avatar utente
Paso
 
Messaggi: 1252
Iscritto il: 05/10/2012, 14:20
Località: Pianbosco (VA)

Re: Altra Running Shoes

Messaggioda mircuz » 12/10/2018, 7:53

Avrebbe un po' più senso inserire una talloniera per diminuire il drop nella fase iniziale. Se sei abituato a scarpe con drop sopra i 10mm passa ad una scarpa con drop 8-6 mm e poi a scendere gradualmente. Il consiglio di Paso di usare una drop zero un po' alla volta è valido, ma in questo caso devi alternare due scarpe, come spiegato. Quindi se hai già una scarpa da sterrato va bene, altrimenti non ha senso sennò dovresti comprare 2 scarpe.
Avatar utente
mircuz
 
Messaggi: 2040
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Altra Running Shoes

Messaggioda Gaggio » 14/10/2018, 7:13

darione1980 ha scritto:Ciao a tutti, dopo molto tempo e molti km su strada causa infortunio al piede mi sto riavvicinando alla montagna su distanze un po' più lunghe e andature meno esagerate.
Sono stato attirato da questi marchi massimalisti (hoka e altra) scarpe molto protettive con drop 0 o contenuti, quello che volevo chiedervi se ha senso iniziare gradualmente con un drop 3 e poi passare allo 0 se mi trovo o usare direttamente altra.
Per altro mi è stata proposta uno olympus 2.0 a un buon prezzo consigliandomi di inserire sotto la soletta uno spessore da 4mm tipo scarpone da skialp, ha un senso???


Ha senso, ma anche no: ha senso se vuoi passare ad una scarpa drop zero non ammortizzata, per imparare a cambiare il tipo di appoggio per non "tallonare". Ma se la drop zero è ammortizzata, basta solo iniziare a correrci con uscite di pochi chilometri, aumentando gradualmente.
La corsa su trail è diversa da quella sui strada, tant'è che che le scarpe trail sono tutte neutre (non hanno inserti antipronazione), poichè la corsa su trail è più naturale-salutare.
Avatar utente
Gaggio
 
Messaggi: 3367
Iscritto il: 05/09/2010, 14:37
Località: La Banda dei Malandrini - Prato

Re: Altra Running Shoes

Messaggioda Krapotkin » 05/11/2018, 15:29

Krapotkin ha scritto:ALTRA SUPERIOR 3.0


-grip, ottimo su tutti i terreni. Su pietre bagnate tengono quanto tengono scarpe con buone suole.(non esistono scarpe che tengono su pietre umide). Anche sulla perfida erba bagnata sono buone.


Rettifico quanto scritto.
Su terreno umido, fangoso e roccia calcarea sembra di avere del sapone sotto i piedi.
Le ho usate nel lecchese in questi giorni di pioggia, in discesa continuavo a cadere e in due brevi tratti di discesa su ferrata con catena, che normalmente potrei fare ad occhi chiusi, me la sono fatta sotto. Non riuscivo quasi a stare in piedi da fermo, il contatto la roccia umida e la suola fangosa crea un vero e proprio effetto sapone.
La mia socia con classiche scarpe da trekking con suola vibram non era assolutamente in difficolta quanto me.
Krapotkin
 
Messaggi: 181
Iscritto il: 01/02/2018, 19:04
Località: Abbiatefat (Mi)

Re: Altra Running Shoes

Messaggioda albatrail » 05/11/2018, 15:44

albatrail ha scritto:Ciao, dopo un paio d'anni usando solo Invo8 mi sono convinto a provare le Altra, ho optato per le King Mt, quelle più minimaliste della gamma trail, sono a due mesi di utilizzo tra cui una gara di 40 km. la scarpa mi ha soddisfatto in parte, il grip è ottimo (prima volta che uso Megagrip) il battente è molto aggressivo, bella la sensazione di corsa, scarpa molto leggera e abbastanza sensibile nonostante il rockplate, il sistema di allacciatura lascia un po' a desiderare, trovo difficoltoso serrare bene la scarpa anche se poi con la linguetta in velcro si può avvolgere ulteriormente il piede. Geniale il tessuto sulla tomaia interna del tallone che "grippa" sul calzino evitando movimenti e conseguenti vesciche (a scapito però dei calzini che credo si usureranno molto più velocemente).
I difetti maggiori che ho riscontrato sono che in discesa il piede scivola inevitabilmente verso la punta, anche tirando al massimo la linguetta in velcro, questo poi a causa della forma della punta tagliata "foot shape" fa sì che tutte le dita vadano ad impattare sulla punta, quindi per capirci se con una scarpa con punta normale si tende a battere solo l'alluce con questa si batte con quasi tutte le dita (cosa molto fastidiosa per me che ho l'illice più lungo dell'alluce).
Altro grande difetto, sempre mia opinione, è lo spazio esagerato dell'avanpiede, la King MT è una scarpa leggera e aggressiva e mi sarei aspettato una calzata più precisa mentre così il piede è esageratamente libero a scapito della precisione di appoggio e sicurezza in discesa, secondo me ci poteva stare su una scarpa più pesante per lunghe distanze ma per la scarpa più leggera della serie avrei optato per un minimo di avvolgimento del piede, sempre rimanendo nella filosofia della naturalità di calzata che contraddistingue il marchio.
Riassumento la vedo in parte come una scarpa sbagliata, un ibrido non totalmente riuscito.


Aggiornamento dopo 500 km.
Confermo quanto sopra, devo dire che la scarpa è ancora perfettamente integra e non mostra segni di cedimento né sulla tomaia né sulla suola.
Il battistrada è poco consumato e il grip è ancora eccellente, da questi punti di vista scarpa promossa a pieni voti, compreso il Vibram Megagrip.
Avatar utente
albatrail
 
Messaggi: 1103
Iscritto il: 05/09/2010, 15:33

Torna a Materiali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti